Giu 072018
 

Il pubblico del Piccolo Principe

A quale pubblico è destinato Il piccolo principe? La risposta sembra ovvia; ai bambini, per una serie di ragioni come la scorrevolezza e la semplicità dell’argomento, per la presenza dei disegni e perché l’opera non è altro che una fiaba.

Quanto all’immediatezza della trama, è un fatto certo che il breve racconto può essere letto d’un fiato, e che l’argomento è alla portata dei bambini; un adulto che si accosti al Piccolo principe potrebbe sentirsi anche un po’ imbarazzato nel leggere una storia così semplice. Per di più l’autore ha pensato bene di corredare le pagine con dei disegni realizzati di suo pugno, come a voler incontrare la necessità innata dei bimbi di apprendere e capire guardando. Infine, a rendere Il piccolo principe adatto ad un pubblico di bambini è la sua stessa struttura che sembrerebbe mutuare dalla fiaba alcune caratteristiche. Il piccolo lettore non rischia di smarrirsi, abituato a individuare per una lunga familiarizzazione con le fiabe, un protagonista, un aiutante magico, una serie di ostacoli, il lieto fine.

Eppure Il piccolo principe, considerato all’unisono una classico, non ha catturato soltanto i bambini ma anche gli adulti. Sembra giusto chiedersi il motivo di questo successo e individuarlo innanzitutto in quella stessa piacevolezza e scorrevolezza di cui si parlava prima. Il problema è che questo classico, come molti altri successi editoriali, può essere letto su più piani e in modi diversi. La semplicità dell’argomento è soltanto un mezzo con cui l’autore ha cercato di perseguire un fine più ambizioso, è lui stesso a cifrare questo intento nella dedica iniziale: “Se tutte queste scuse non dovessero essere sufficienti, vorrei dedicare questo libro al fanciullo che questa persona adulta è stato. Tutti gli adulti sono stati fanciulli una volta. (Ma pochi di essi se ne ricordano.) Perciò correggo la mia dedica: a Leon Werth quando era bambino[1]. Il piccolo principe è prima di tutto un libro per grandi, o almeno per quei grandi che hanno ancora la capacità di ricordarsi di essere stati fanciulli. Sembra chiaro anche l’uso delle immagini che per un adulto acquisiscono un valore diverso; esse non sono soltanto lo strumento di una narrazione visiva, ma una specie di commento silenzioso e simbolico al testo scritto. Infine la stessa parziale sovrapposizione con la fiaba è l’espediente con cui liberare un insegnamento, una morale. La fiaba, a differenza della favola, non è obbligata a presentare un insegnamento, ma talvolta questa scelta diventa possibile come in questo caso, anche perché la storia narrata o meglio le storie narrate (quella del pilota e quella del Principe) costituiscono un esempio di bildungsroman. Alla conclusione della vicenda, il pilota e il Principe raggiungono la consapevolezza e la maturazione interiore, quelle qualità che forse de Saint-Exupèry sperava di suscitare nei suoi lettori.

 

Il messaggio

Se il Piccolo principe è in grado di parlare ai bambini così come agli adulti, è utile ricercare i messaggi che veicola. La lettura delle pagine dell’opera in realtà si presta ad innumerevoli interpretazioni perché le tematiche affrontate sono molteplici. La loro ricezione è subordinata all’intenzione del lettore che può decidere di intraprendere diversi percorsi. Volendo sintetizzare alcuni messaggi, può essere utile partire dal confronto diretto con il testo.

Ciò che è essenziale è invisibile agli occhi[2] dice la Volpe al Piccolo Principe prima di congedarsi, e in questo modo l’autore condensa il significato più evidente della sua storia, riproponendo una convinzione già espressa da Giovanni Pascoli, quando alludeva al Fanciullino sopito nell’uomo, capace di superare le apparenze e di ritrovare la novità negli aspetti più immediati. Si tratta di un invito abbastanza scontato, e forse neppure tanto se l’esortazione dello scrittore continua ancora a far parlare e far riflettere l’uomo attuale, così imbrigliato nei problemi della superficie e così poco disposto a sintonizzarsi con i ritmi del cuore.

<<Giudicherai te stesso. – Gli rispose il re – È la cosa più difficile. È molto più difficile giudicare se stessi che gli altri. Se riesci a giudicarti bene è segno che sei veramente un saggio.>>. [3]

La comunicazione con il proprio cuore è una capacità rara ma indispensabile per poter interagire con gli altri nell’autenticità. Il messaggio nascosto dietro queste parole potrebbe coincidere proprio con l’invito a osservarsi dentro per poi aprirsi all’esterno, in modo che il giudizio diventi più umano e sincero.

 <<Che cosa vuol dire addomesticare?>>

[…]

<<È una cosa da molto dimenticata. Vuol dire creare dei legami … >>

<<Creare dei legami?>>

<<Certo. -Disse la volpe.- Tu, fino ad ora, per me, non sei che un ragazzino uguale a centomila ragazzini. Io non ho bisogno di te, e neppure tu hai bisogno di me. Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi. Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno l’uno dell’altro. Tu sarai per me unico al mondo, e io sarò per te unica al mondo.>>[4]

 

Soltanto dopo aver preso contatto con il nostro fanciullino interiore si è in grado di aprirsi all’esterno, scegliendo chi addomesticare. Si tratta di un concetto anch’esso molto scontato, ma da autoriproporsi ogni tanto. Addomesticare non è cosa da poco, richiede tempo e fatica, e spesso comporta anche dolore e frustrazione.

 

Questa volta mi risposero di lasciare da parte i serpenti, sia di fuori che di dentro, e di applicarmi invece alla geografia, alla storia, all’aritmetica e alla grammatica. Fu così che a sei anni io abbandonai una possibile carriera di pittore. L’insuccesso dei primi due disegni mi aveva demotivato.[5]

 

Infine quest’ultima frase comunica forse il messaggio più interessante. È il pilota che racconta, da bambino amava sottoporre agli adulti i suoi disegni, ma nei vari tentativi nessuno aveva dimostrato di comprendere le sue prove. Gli avevano consigliato di dedicarsi ad attività più utili quali la geografia o la matematica. Fra le righe si legge la critica che l’autore muove al mondo dei grandi e al loro sistema educativo.

 

Qualche studioso ha individuato dietro queste righe un riferimento alla differenza tra la psiche dell’adulto e quella del bambino. Il fanciullo non è rigido, e grazie a questa sua plasticità percepisce in maniera più autentica il mondo che lo circonda. Questo approccio può diventare per converso molto oneroso, perché al bambino manca ancora quella stratificazione razionale che l’adulto ha acquisito. È proprio nel confronto con la paura e con la difficoltà che può intervenire l’adulto. L’approccio più scontato è quello della rimozione, poiché l’adulto si sente imbarazzato e incapace di gestire la richiesta di aiuto del bambino; è ciò che accade al pilota che alla fine mette da parte le sue esigenze, e accetta l’invito degli adulti. Ma è possibile una seconda via, in cui l’adulto si prende cura del fanciullo e decide di entrarvi in contatto, scongiurando il rischio di un irrigidimento.

 

Conclusioni

 

La lettura che è stata data dell’opera ha focalizzato soltanto alcuni degli innumerevoli spunti veicolati dal testo, per di più in un modo non del tutto esaustivo. Ciò che si può dire in chiusura è che Il piccolo principe continua a godere di un successo intramontabile probabilmente per la ricchezza di messaggi nuovi e vecchi che possono essere estrapolati, per la sua disposizione a incantare un pubblico giovane come per la sua capacità di indurre un pubblico più maturo a riflettere.

 

[1] A. de Saint-Exupèry, Il piccolo principe, Crescere edizioni, p. 7.

[2] Ivi, p. 71.

[3] Ivi, p. 42.

[4] Ivi, p. 67.

[5] Ivi, p. 10.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo.

Chiudi